Villa Romana del Casale

Situata a circa 4 chilometri dalla città di Piazza Armerina, in località Casale, è possibile visitare uno dei maggiori complessi archeologici dell'intero periodo romano. Risalente al IV-V sec. d. C. la Villa, nonostante la monumentalità e l'unicità dell'architettura, è universalmente conosciuta per i pavimenti mosaicati. Il suo immenso valore di documento di storia dell'arte è dovuto infatti agli oltre 40 pavimenti a mosaico policromo, disposti su una superficie di oltre 3.500 mq., che rappresentano un complesso quale non si trova in nessun altro centro archeologico del mondo romano per numero e grandezza di pavimenti, per importanza di rappresentazioni, per elevatezza di valore artistico delle scene raffigurate, per i colori e la varietà dei soggetti ed il carattere narrativo che, insieme, costituiscono una preziosa testimonianza sul costume e sul livello artistico raggiunto in quell'epoca. Tra tutti gli ambienti della villa, spiccano quelli "Piccola Caccia",  quello degli “Eroti pescatori”,  quello dei “Danzatori”, quello delle “Dieci atlete in bikini” e quello con la “Scena erotica”. Sul peristilio, schermato da una scalinata, si apre, invece, un lungo e largo corridoio: I'ambulacro della "Grande Caccia".
Per la straordinarietà e l'unicità dei pavimenti mosaicati, nel 1997 il sito è stato inserito nella lista del Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.